Comune di Contursi Terme >>PERICOLO DISCARICA A PALOMONTE...

RSS di - ANSA.it

PERICOLO DISCARICA A PALOMONTE...

PERICOLO DISCARICA A PALOMONTE. L’AMMINISTRAZIONE SI MOBILITA

Sulla ipotesi di individuazione della discarica a Palomonte in località Monte di Pruno, l’Amministrazione comunale di Contursi Terme attiva, in maniera concreta ed incisiva, tutti i canali istituzionali per scongiurarne l’attuazione.

In realtà nessuna ipotesi di atto ufficiale è stato mai adottato in tal senso dagli organismi competenti. Si è trattato semplicemente di uno studio commissionato dal Commissario regionale Vardè all’Università degli studi di Salerno, la quale, a sua volta, ha predisposto un elenco di siti idonei, consistenti in cave dismesse ubicate su tutto il territorio provinciale. Tra queste figurava anche la cava dismessa ubicata in località Monte di Pruno nel Comune di Palomonte con la specificazione, tuttavia -così come si legge nello studio- che “…è opportuno considerare che la cava incide sul complesso idraulico profondo del comprensorio termale di Contursi e che la coltivazione della discarica, sebbene da lunghe distanze, comporterebbe un impatto visivo da centri abitati”. Una specificazione importante, quest’ultima,  che non può non sfuggire al Commissario regionale prof. Vardè, il quale, in questi giorni, sta elaborando la decisione definitiva di individuazione delle discariche provvisorie sul territorio provinciale che dovranno ricevere i rifiuti dai rispettivi bacini fino al completamento del ciclo dei rifiuti con l’attivazione del termovalorizzatore. L’Amministrazione comunale contursana, tuttavia, sta mantenendo alta e vigile la propria attenzione ed ha sensibilizzato sul tema l’assessorato regionale all’ambiente ed i vertici tecnici della Provincia di Salerno, ai quali ha girato anche uno studio del Prof. Ortolani che, in definitiva, conferma l’inidoneità del sito di Monte di Pruno di Palomonte per le medesime ragioni connesse al rischio idrogeologico che ne potrebbe subire tutto il sottostante bacino idrotermale di Contursi Terme. Ma oltre ai danni che ne potrebbe subire tutto l’indotto economico dell’intero territorio basato essenzialmente sul turismo naturalistico e termale, l’eventuale e malaugurata decisione di individuazione del sito significherebbe penalizzare ulteriormente un territorio che ha pagato già un prezzo altissimo con le discariche di Serre e Campagna. Per cui sì al dialogo ma nessuna indecisione o debolezza sulla necessità di difendere il nostro territorio e la nostra economica. Occorre impegnarsi attraverso i canali istituzionali, uniti e coesi, con forza e determinazione, evitando isolati, sterili e insignificanti atteggiamenti di taluni che, pur di voler apparire come “generali” di inesistenti eserciti di cartapesta, rischiano di fare disinformazione e di dividere le forze in campo.          

 

d

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 5.02 secondi
Powered by Asmenet Campania